csPE ed 2013

La fase di richiesta voucher per gli utenti si aprirà a partire dal 19 agosto 2013 al 20 settembre 2013

ID corso: 11456
Titolo corso: Corso di Specializzazione in “Progettazione Europea per la ricerca, la formazione la cooperazione internazionale

Titolo di studio richiesto: Laurea triennale (nuovo ordinamento) gruppo letterario, linguistico, politico-sociale, psicologico, agrario, economico-statistico, scientifico, giuridico, ingegneria, insegnamento.

Informazioni sintetiche
Costo di iscrizione per partecipante: 6000 euro
Durata del corso: 600 ore
Formazione in aula: 300 ore
Attività stage/project work: 300 ore
Durata dell'attività svolta all'estero o altra regione: 40 ore
Data Avvio: 27/01/2014 – Data Fine prevista: 27/06/2014

Obiettivi 

Il corso, promosso da Cosvitec, intende offrire una tangibile opportunità di specializzazione sulle istituzioni Europee e sui nuovi indirizzi strategici dell’UE nell’utilizzo dei fondi strutturali 2007-2013. L’obiettivo generale è la qualificazione del proprio bagaglio professionale nell’ambito della progettazione europea, dell’internazionalizzazione, la cooperazione e la ricerca. Il percorso formativo intende offrire una pragmatica opportunità di learning e training on the job: consentirà a chi si approccia alla progettazione europea, per la prima volta, o comunque a chi già se ne occupa quotidianamente di specializzarsi sul “Project Cycle Management”. Questa specifica opportunità di specializzazione, si fonda su un approccio pragmatico-scientifico, si avvale dell’analisi dei programmi europei, di calls rilevanti e permette l’acquisizione ex novo, delle competenze di euro-progettazione necessarie ad operare in contesti pubblici o privati. Le tematiche affrontate si affineranno contestualizzandole all’attuale quadro economico-internazionale dell’Area del Mediterraneo. Obiettivo prioritario del corso è quello di formare manager in possesso di elevate capacità in grado di cogliere le opportunità di successo e di crescita professionale della progettazione Europea. Il corso offrirà la possibilità di approfondire le tematiche della progettazione europea in aula e in una esperienza di project work vissuta a Bruxelles, al centro dell’Europa, in team di progettazione precostituiti. Si formeranno nuovi professionisti che si candideranno ad essere figure di tramite tra gli enti europei che erogano i finanziamenti e chi intenderà avvalersene.

Spendibilità

La necessità sentita dalle aziende e dagli enti pubblici di accedere a fondi di finanziamento fa sì che la figura del progettista possa trovare un'ottima spendibilità in molti settori sia in ambito di lavoro dipendente o quantomeno stabilmente inserito all'interno di una organizzazione, sia in termini di attività free-lance e, quindi, di professionalità autonoma, che di inserimento in studi di consulenza per le aziende. La figura che si specializza in questo percorso formativo ha inoltre un ampio spettro di opportunità da spendere in termini di offerta professionale potendosi declinare sia sul sistema incentivante legato all'innovazione tecnologica e agli investimenti a supporto della competitività (marchi, brevetti internazionali, ecc.) sia sul settore della Formazione in azienda, Formazione professionale, Alta Formazione e quindi su tutto l'attualissimo panorama legato ai Fondi Paritetici Interprofessionali.

MODULI FORMATIVI

-Team building (10 ore): il modulo prevede la realizzazione delle fasi di costruzione di sviluppo di un team;  la definizione del metodo di lavoro;  la progettazione e la realizzazione del risultato; le relazioni collaborative: ruoli, attività e competenze;  l’analisi e strumenti di soluzione dei problemi;  strumenti di cooperazione;  modalità di gestione delle metodologie di problem solving attraverso la gestione di gruppi di lavoro.
-L'organizzazione comunitaria e la programmazione europea, dalla pianificazione “2007-2013” ad “Europa 2020” (20 ore): Il modulo si propone come elemento propedeutico alla progettazione. Intende affrontare le priorità dell’UE attraverso l’analisi della sua struttura e della sua composizione. Si affronteranno gli indirizzi dell’UE che si propone di sviluppare un'economia intelligente, sostenibile e solidale. Si appronteranno, tra gli altri argomenti i cinque ambiziosi obiettivi, in materia di occupazione, innovazione, istruzione, integrazione sociale e clima-energia che l’UE intende raggiungere entro il 2020. Contenuti: Istituzioni dell’Unione europea; Procedimento normativo e gli atti comunitari; Struttura amministrativa dell’Unione europea; Fonti di informazione ufficiali e non ufficiali; La panoramica dei fondi comunitari e nazionali (settoriali e strutturali): le regole di funzionamento e le loro caratteristiche; Le priorità e gli indirizzi del FSE Regolamento 1081/2006; Strategia di Lisbona, GOPE; Grandi Orientamenti delle Politiche Economiche; SEO Strategia europea per l’occupazione; Linee di orientamento per l’occupazione; Obiettivi europei e nazionali della strategia Europa 2020; Gli strumenti e le iniziative prioritarie di Europa 2020. 
-La gestione dei fondi strutturali nei paesi dell'UE: le opportunità di sviluppo (10 ore): Il presente modulo offrirà una panoramica dei fondi creati e gestiti dall'Unione Europea per finanziare vari progetti di sviluppo al suo interno. Si tratta di un modulo propedeutico alla progettazione per comprendere i meccanismi di finanziamento e di agevolazione dello sviluppo. Attraverso l’utilizzo di questi contributi l’UE prova a risolvere i problemi strutturali di ordine economico e sociale. Contenuti: I ruoli della Commissione Europea e degli Stati Membri, Il principio di sussidiarietà, Fasi della programmazione finanziaria e degli investimenti comunitari, I piani di finanziamento, Ammissibilità a tassi di cofinanziamento, Processo di ammissione dei fondi, Sistemi di gestione e di controllo dei fondi, Misure per combattere le frodi, Le agevolazioni dei fondi strutturali.
-Cross-Border Cooperation (10 ore): Il modulo vuole approfondire le opportunità messe a disposizione dalla Commissione Europea in ambito transfrontaliero. Si tratta di misure che riguardano varie tematiche e vari paesi tra cui anche l’Italia. Contenuti: La politica regionale dell’UE, Le linee di investimento, Il fondo di coesione, Le modalità di accesso, Case study dei maggiori progetti.
-European Business scouting (10 ore): Il primo approccio al progetto europeo è la ricerca di una call, la ricerca di una misura. Il secondo step è la valutazione della partecipazione all’avviso pubblicato. Si tratta di una fase delicatissima, in questo primo momento si devono valutare tutte le variabili possibili: economiche, geopolitiche, tecniche, culturali etc.. Un project manager di esperienza sa cosa considerare, tuttavia pone sempre molta attenzione in questa fase. L’obiettivo del presente modulo è l’esplosione delle criticità e delle potenzialità di questa primissima e utile fase della progettazione. Cercare, o scrivere un progetto invece che un altro, molto spesso fa la differenza! Contenuti: Metodi di ricerca delle opportunità di rilievo europeo, Valutazione delle misure di finanziamento e delle singole call, Criteri di valutazione ed ammissibilità delle candidature.
-Analisi di fattibilità ed elaborazione dei programmi di ricerca e cooperazione (10 ore): La Ricerca e la Cooperazione fanno parte dei pilastri fondanti di sviluppo dell’Unione Europea sono gli elementi indispensabili per contribuire a politiche di progresso. Un progetto Nazionale, realizzato secondo un ottica di interrelazione internazionale e secondo i crismi e le esigenze del settore della ricerca, ha un impatto certamente positivo. Il primo step della progettazione si fonda sull’analisi della situazione, che nel contesto europeo non può prescindere dall’analisi realizzata in ottica internazionale: grande e strategico il ruolo della cooperazione. Contenuti: – Programma quadro per la ricerca, per finanziare la ricerca; – Programma quadro per l'innovazione e la competitività, per finanziare l'innovazione – Fondi strutturali e il Fondo di coesione, per finanziare la politica di coesione – Dinamiche di partecipazione a gruppi di lavoro internazionali – Costruzione del percorso di indagine – Organizzazione del lavoro di analisi e ricerca in relazione agli obiettivi generali della call – Strumenti di ricerca – Elementi base di statistica.
-Costruzione del budget e regole di rendicontazione (20 ore): Il presente modulo intende approfondire le metodologie di costruzione del budget e potenziare, inoltre, la capacità di accesso e gestione dei fondi comunitari/nazionali Contenuti: Approccio strategico ai fondi comunitari, La politica di coesione e sviluppo nella strategia nazionale e comunitaria per il periodo 2007-2013, Principi di costruzione del budget, La pianificazione e la gestione finanziaria del progetto, Le spese ammissibili, Criteri di allocazione delle risorse per voci di spesa, La gestione efficiente del cofinanziamento, Le regole della rendicontazione e la gestione amministrativa, La gestione operativa e strategica del partenariato, Simulazione di richiesta di finanziamento.
-PCM – Project Cycle Management: dall'idea del progetto alla rendicontazione (50 ore): La chiave della progettazione, asso nella manica di un buon progettista: il PCM un approccio alla progettazione europea. Tutte le call dell’UE si basano su questo principio. La "nuova programmazione" si ispira a concetti forti e innovativi come partenariato, concertazione, approccio ascendente (bottom-up) e, soprattutto, partecipazione di una pluralità di soggetti. Caratteristica essenziale degli strumenti della nuova programmazione è proprio la complessità del "governance del programma", dovuta all'intervento di soggetti diversi, istituzionali e privati, che devono convergere verso un comune obiettivo di sviluppo. Compilare un form europeo di presentazione, vuol dire essere padroni degli strumenti approfonditi in questo modulo. Contenuti: Il Project Cycle Management, Il quadro logico Logical Framework, Le fasi di costruzione del progetto secondo l’approccio PCM, L’analisi del contesto, L’analisi SWOT, Analisi dei problemi, degli obiettivi e delle strategie, L’Albero dei Problemi, L’Albero degli Obiettivi, Coordinamento e gestione, Monitoraggio, Valutazione, Diffusione o “ disseminazione”.
-Administrative and legal cycle management (10 ore): Rispondere ai requisiti di una call non vuol dire aver esaurito le necessità della progettazione. Bisogna saper gestire anche tutto il progetto dal punto di vista burocratico, amministrativo e finanziario. La congruità dei costi sostenuti rispetto alle attività realizzate richiede la professionalità di operatori esperti. Il modulo offre un percorso didattico di gestione diretta e indiretta. Oltre al quadro giuridico di riferimento, il modulo prevede la trattazione dei vari processi applicabili e del sistema di controllo. Contenuti: I meccanismi della gestione finanziaria, Quadro giuridico di riferimento della progettazione, gestione, amministrazione e rendicontazione, Principi di gestione amministrativa, La legislazione amministrativa europea, La documentazione progettuale, La reportistica,  Articolazioni del controllo: ex ante, in itinere, ex post.
-Internazionalizzazione e cooperazione internazionale (20 ore): Il modulo intende sensibilizzare i discenti sull'importanza di un approccio sistemico nella gestione dei processi di internazionalizzazione e cooperazione, fornendo loro concetti e metodologie chiave per la gestione dei progetti europei. Contenuti: Modalità di internazionalizzazione, Elementi di autovalutazione applicati all’internazionalizzazione, Metodologie e procedure dell'azione di cooperazione, Le politiche di cooperazione internazionale allo sviluppo multilaterale e bilaterale, La cooperazione italiana, L’approccio partecipato nei progetti di cooperazione internazionale, Strumenti e metodi utili per facilitare la progettazione condivisa, Il ruolo degli attori coinvolti, le relazioni di potere, Le dinamiche di costruzione del consenso attorno all’idea progettuale, Le tecniche maggiormente utilizzate per gestire l’interazione tra gruppi di interesse differenti.
-Il 7° programma quadro (30 ore): La Commissione Europea intende puntare sulla ricerca e sugli investimenti in politiche di sviluppo nazionali dell’eccellenza attraverso il VII Programma quadro. Quest’ultimo copre il periodo 2007-2013, si tratta di una buona opportunità per portare la politica della ricerca dell’Unione Europea al livello delle sue ambizioni economiche e sociali, consolidando lo Spazio europeo della ricerca (SER). Un project manager che si rispetti deve essere informato e saper operare in questo ambito. Questo modulo vuole affrontare le tematiche generali del VII Programma quadro. Contenuti: Il 7° Programma Quadro: Introduzione, La struttura, I programmi specifici presentazione della proposta, negoziazione, fase contrattuale, cioè la stipula del contratto e del Consortium Agreement, La gestione dei progetti di ricerca nei Programmi Quadro europei, Particolarità della progettazione per il VII Programma Quadro.
-Le piattaforme Lifelong learning ed EuropeAid (35 ore): Il modulo presenterà il programma LLP (Lifelong Learning) nella sua generalità. Si analizzeranno la struttura e i suoi sottoprogrammi settoriali. Si darà la giusta attenzione al programma trasversale, trait-d’union tra tutti i sottoprogrammi. Si contestualizzerà l’importanza dell’LLP in un mondo globale come quello attuale, mediante lo studio della situazione attuale in Italia, e dal un punto di vista della mole di progetti presentati e fondi ottenuti, e da un punto di vista di opportunità per giovani e adulti di godere di un’esperienza altamente spendibile nel mercato del lavoro. Relativamente ad EuropeAid, invece, si tratterà degli obiettivi strategici con le rispettive questioni giuridiche. Contenuti: Il concetto di Lifelong Learning Programme, L’importanza del Lifelong Learnig in un mondo “globale”, Comenius e Leonardo da Vinci Erasmus, Grundtvig e Programma Trasversale LLP in Italia EuropeAid – Sviluppo e Cooperazione Sviluppo umano e Diritti umani, Risorse naturali e Lotta al problema della fame EuropeAid: Legislazione e questioni giuridiche, La distribuzione geografica di EuropeAid
-La progettazione nell’area MED (25 ore): Il modulo intende presentare le finalità e gli obiettivi generali del programma MED, quali la resa dello spazio MED di un territorio capace di fronteggiare i concorrenti internazionali. Si analizzeranno variabili peculiari del programma quali: il principio di sviluppo sostenibile e coesione territoriale. Nello stesso modulo saranno affrontati tematiche più specifiche relativamente alle aree geografiche interessate, agli aspetti burocratici ed alle diverse azioni progettuali realizzabili. Contenuti: Gli obiettivi del Programma Operativo MED, Innovazione e Sviluppo Sostenibile, Dimensione Transnazionale ed aree coinvolte nel Med Programme, Analisi dei Bisogni, Tipologie progettuali, Documentazione e Regolamento Generale, Le peculiarità della costruzione dell’Accordo di Partenariato, La progettazione nell’Area Med.
-Formazione all'Estero (40 ore): Cosvitec , insieme alla sua consorziata Cosvitec Est, da sempre segue i professionisti in aula e nel mondo del lavoro. Il corso di specializzazione intende far vivere personalmente e provare de visu i meccanismi della progettazione. Lo studio all’estero sarà un’esperienza formativa valida e fruibile praticamente in team di progettazione nei contesti pubblici e privati, al fine di costruire ex novo un gruppo di lavoro. Ciascun allievo, proverà personalmente a realizzare o partecipare alle realizzazione di un progetto all’ Estero, secondo un ottica di learning by doing. Si offrirà la possibilità per una settimana circa di operare in prima persona, in contesti di lavoro reale, con professionisti affermati operanti in uno Stato UE. La permanenza in Romania, a stretto contatto con chi da anni lavora sul territorio e vede evolversi il settore della progettazione soprattutto in relazione al nuovo ingresso nell'Unione Europea con il conseguente aumento delle opportunità di ottenere finanziamenti, garantirà agli allievi la perfetta presa di consapevolezza delle possibilità offerte dal territorio e delle aree di maggior interesse.
-STAGE (300 ore): La work experience di questo percorso di specializzazione è il modulo che darà la possibilità a ciascun discente di mettersi in gioco, misurandosi personalmente con i propri compagni di corso e con i professionisti del settore. Si propone di attualizzare e di concretizzare quanto è stato affrontato in aula. Ciascuno si metterà alla prova. Avrà chiara la visione delle sue competenze e di una sua possibile collocazione futura. Questo modulo è stato concepito come un momento eminentemente pratico. Sarà certamente una esperienza che arricchirà il proprio cursus professionale. Contenuti: Partecipazione a call esistenti; Simulazioni di progettazioni; Confronto con i professionisti di settore; Approfondimenti specifici.


Per maggiori informazioni
Tel. 0815621292
Area Formazione